Log in

#Sicilian Ghost Story: mistico giallo nel cuore del mezzogiorno

SICILIAN GHOST STORY

 
regia: Fabio Grassadonia, Antonio Piazza
fotografia: Luca Bigazzi 
sceneggiatura: Fabio Grassadonia, Antonio Piazza 
montaggio: Cristiano Travaglioli
musiche: Anton Spielman 
cast: Julia Jedlikowska, Gaetano Fernandez, Corinne Musallari, Vincenzo Amato, Sabine Timoteo, Andrea Falzone, Federico Finocchiaro, Lorenzo Curcio, Filippo Luna, Nino Prester
 
anno: 2017
nazione: Italia, Francia, Svizzera
produzione: Cristaldi Pictures, Indigo Film, MACT Productions
distribuzione: Bim
genere: drammatico
data uscita in Italia: 18 maggio 2017
durata: 120 min
giudizio complessivo: 
impegno: 

Sicilian Ghost Story. Seconda opera di Fabio Grassadonia e Antonio Piazza ha aperto la Settimana della Critica a Cannes. In contemporanea nelle sale italiane dal 18 maggio. Ecco la nostra recensione.

In un piccolo paese siciliano ai margini di un bosco, Giuseppe, un ragazzino di tredici anni , scompare. Luna, una compagna di classe innamorata di lui, non si rassegna alla sua misteriosa scomparsa. Si ribella al clima di omertà che la circonda pur di ritrovarlo. Luna discende in un mondo oscuro che ha come via d'accesso il fondo misterioso di un lago, e solo l'amore per lui le permetterà di tornare indietro. 

Tanto e tanto importante è l'amore di Sicilian Ghost Story, direi quasi troppo. A tratti più che d'amore potremmo parlare d'ossessione. Luna segue il suo Giuseppe nei boschi, gli scrive lettere in cui rivela di sognare un mondo con lui, dove vive per lui senza badare al resto. A Luna, per farla breve, il mondo che abita non può bastare; solo i sogni fungono da scappatoie di salvataggio. Giuseppe non avrà il tempo di dirsi lusingato. Appena ricevuta la sua lettera verrà rapito dai nemici di suo padre, pentito e collaboratore di giustizia.

La tenacia con cui Luna cerca il suo amore perduto le procura non pochi problemi. Classico è nelle vicende di mafia ambientate nei piccoli paesi siciliani che tutti sappiano e nessuno dica nulla. Con l'amore di mezzo però si rischia tutto, anche il ricovero e il tentato suicidio.

Se Grassadonia e Piazza si fossero limitati al racconto d' amore ed omertà, di mafia e gioventù, trame trite e ritrite nei film del mezzogiorno, qui non ci sarebbe nulla da discutere. I due registi hanno invece optato per una vena quasi fantasy, un oscillare onirico e spirituale che ha colmato i percorsi dei due protagonisti della vicenda. Luna si ribella, si tinge i capelli di blu elettrico e risponde a tono a sua madre, una glaciale presenza quasi estranea al nucleo familiare che si preoccupa per l'andamento scolastico di sua figlia. Ma Luna a scuola al massimo prende a sberle i compagni provocatori che siedono volutamente al posto lasciato vuoto da Giuseppe 

Luna è altrove, un altrove in cui noi spettatori non possiamo davvero mettere piede. I due registi ci trascinano in una serie di sequenze de-localizzate, luoghi abitati dall'angoscia e dalla solitudine di un' adolescente non proprio comune. Il film riesce a creare due linee distinte che di continuo si intrecciano tra loro, si aggrovigliano per depistarci, per lasciarci con un pugno di sabbia tra le mani. Se da una parte la crudeltà della prigionia di Giuseppe è “banalmente” cruda e reale, dall'altra i due ragazzini sognano e si sognano a vicenda, si cercano per poi trovarsi e perdersi ancora; incubi che diventano belli e poi tutto diviene ancora una volta oscuro.

Luna, che disegna a carboncini sulla parete della sua stanza quello che è il suo percorso interiore, che noi dobbiamo tenere ben presente, trova la via d'accesso per ricongiungersi al suo innamorato, un'oscura porta messa tra le radici degli alberi, oppure sul fondo di un lago. L'originalità di questa trama dei fratelli Grimm del tricolore sta nel sovrapporre immagini, far coincidere esteriore ed interiore in particolari minuscoli, veri e propri passaggi sotterranei che celano l'abisso del sentimento umano. Raggiungere il fondo del lago per Luna sarà solo un altro modo per manifestare la propria resa al mondo, nascondersi nei suoi sogni/incubi , tendendo alla morte. Sfiorire è ricongiungersi, lì dove le ombre che si spostano silenziosamente nelle illusioni della sognante cappuccetto rosso siciliana sono voci che echeggiano nell'ade. 

 

Grassadonia e Piazza hanno mostrato non poco coraggio nel realizzare un crudo giallo adolescenziale che sfrutta la falsa riga investigatrice per parlare di ossessioni, malattie dell'anima e sogni. Il coraggio sta anche nel trascinare lo spettatore in due lunghissime ore, per un film che certamente poteva subire alcuni tagli senza perdere impatto e, soprattutto, senso.

L'avete visto? Lo andrete a vedere? Condividete la nostra opinione o siete di un altro parere? Lasciateci un commento con i vostri pensieri sotto!

Seguite la pagina Facebook di No#News per rimanere aggiornati su altri articoli e non dimenticate di condividere l'articolo!

Video

Luca Cardone

Appassionato di letteratura classica, divoratore di testi teatrali e immancabilmente cinefilo nel midollo.

Follemente innamorato dello scrittore austriaco Thomas Bernhard.

Consacra la sua vita accademica alla filosofia, amalgamando gli antichi studi libreschi con la materia del cinema.

Aspirante scrittore con il sogno nel cassetto della regia; non è insolito sentirgli dire: dopo Tarkovskij se proprio c'è qualcuno quello è Dio.

Social Profiles

Lascia un commento