Log in

#El Club: Il 65° orso d'argento proiettato in Italia

EL CLUB

 
regia: Pablo Larraìn
fotografia: Sergio Armstrong
sceneggiatura: Guillermo Calderón, Daniel Villalobos, Pablo Larraín
costumi: Estefania Larrain
montaggio: Sebastián Sepúlveda
musiche: Carlos Cabezas
cast : Roberto Farìas , Antonia Zegers , Alfredo Castro ,Jaime Vadell, Alejandro Goic ,Alejandro Seveking , Marcelo Alonso, Jose Soza,Francisco Reyes
 
anno: 2015
nazione: Chile
produzione: Fabula
distribuzione: Funny Balloons
genere: drammatico
data uscita in Italia: 25 febbraio 2016
durata: 97 minuti
giudizio complessivo: 
impegno: 

Un anno di ritardo è costata la visione di El club agli italiani che dal 25 febbraio possono gustare su grande schermo l'ultimo film di Pablo Larraìn, pellicola che si aggiudica il gran premio della giuria al 65° Berlinale.

El club è un film che non ha tempo da perdere, ha fretta di raccontare e parte spedito come un treno. Dopo dieci minuti Larraìn comincia a far fuoco sui suoi spettatori che, disarmati, possono solo restare ad ascoltare, totalmente pietrificati.


 

Quattro sacerdoti convivono in una casa sotto la supervisione di una donna, evitando contatti con la gente del paese; soli assieme per trovare la redenzione. Se questa è la premessa, va detto che la redenzione in questo film è un elemento completamente assente, qualcosa di volutamente abbozzato, una presenza evanescente, inafferrabile.


Sovrano di questo dramma è il passato, entità temporale sacra e demoniaca allo stesso tempo. Il passato dei quattro sacerdoti è da tenere chiuso in cantina.
È l'ultimo arrivato a scoperchiare il vaso di pandora, il nuovo sacerdote prossimo alla penitenza che meno degli altri è in grado di tenere a bada il suoi scheletri nell'armadio.

Questo passato invadente ha un nome, Sandokan, un uomo che è stato inchiodato sui suoi ricordi con la forza, che non è stato in grado di nascondere nulla, un ragazzino vittima di violenza sessuale recluso in un labirinto la cui unica via d'uscita sembra essere il contatto con lo stesso sacerdote, il suo carnefice.

I quattro uomini, dopo un sanguinoso evento, sono sorvegliati da un ente esterno, un curatore degli affari della chiesa più che una guida; un superiore che deve decidere se chiudere o meno la casa del castigo, contaminata da corse con i cani e altri vizi poco ortodossi. Una figura dalle vesti quasi angeliche che, nel club, conosce gli illimitati poteri della debolezza umana. Tutti assieme combattono un nemico comune, Sandokan, o meglio la storia che questo relitto umano trascina con se. Devono farlo per preservare un ente che si arrampica sull'algida trama di Larraìn: la chiesa.

Il regista, con l'aiuto di Calderòn e Villalobos sulla sceneggiatura, fa coscientemente l'iconoclasta, demolisce il sacro e ricostruisce tutto da capo. Tutti i personaggi, a turno, cominciano a decadere, smembrati e ridotti alla pura coscienza, spogliati in un camerino che non ha più silenzio. Il regista martella con temi quali l'omosessualità, la pedofilia, la linea di confine tra amore ed ossessione. Un film che scotta a 360°, che divide la critica; un dito in una ferita aperta. I dogmi hanno bisogno del silenzio, un mutismo accondiscendente. Il regista qui infila la gola e comincia ad urlare, si fa sentire, bistratta. Infine, sulle rovine create, decide di richiudere la botola, vuole dare tregua. E la tregua sarà un nuovo silenzio, differente, fatto di consapevolezze e colpe comuni. Una quasi redenzione. Quasi, perché la speranza che ci propone Larraìn sul finale è fasulla, non possiamo crederle affatto.

El club è un film di testa e spirito, ragionato e sentito allo stesso tempo. Ha messo le mani sull'orso d'argento con prepotenza, meritandolo senza forse e senza ma.

Avete già visto il film? Lo andrete a vedere? Condividete l'opinione di Luca o siete di un altro parere? Lasciateci un commento con i vostri pensieri sotto!

Seguite la pagina Facebook di No#News per rimanere aggiornati su altri articoli e non dimenticate di condividere l'articolo!

Video

Luca Cardone

Appassionato di letteratura classica, divoratore di testi teatrali e immancabilmente cinefilo nel midollo.

Follemente innamorato dello scrittore austriaco Thomas Bernhard.

Consacra la sua vita accademica alla filosofia, amalgamando gli antichi studi libreschi con la materia del cinema.

Aspirante scrittore con il sogno nel cassetto della regia; non è insolito sentirgli dire: dopo Tarkovskij se proprio c'è qualcuno quello è Dio.

Social Profiles

Lascia un commento