Log in

#Il patrimonio umano scritto nel passato dell' acqua

LA MEMORIA DELL'ACQUA

 
regia: Patricio Guzmán
sceneggiatura: Patricio Guzmán
 
anno: 2015
nazione: Cile, Francia, Spagna
produzione: Atacama Productions, Valdivia Film, Mediapro
distribuzione: I Wonder Pictures
genere: documentario
data uscita in Italia: 28 aprile 2016
durata: 82 min
giudizio complessivo: 
impegno: 
 

L'oceano ha un passato e come tale portatore di storia lega tutti gli istanti della popolazione cilena. Dagli indigeni della Patagonia ai corpi gettati in acqua degli oppositori politici alla dittatura di Pinochet. Un popolo del mare che non aveva parole adatte a tradurre "Dio" e "polizia", tanto forte e nobile era la fede nella Natura e nei rapporti umani.


 

Suprema conoscenza del mare e delle innumerevoli isole su cui trovare riparo, precise previsioni atmosferiche seguendo l'istinto quasi divino e volontà di credere che sia sacro conservare le proprie tradizioni. Disegni scritti sui corpi nudi che riconducevano direttamente al cosmo e alle stelle per tessere un filo importante con l' universo intero. Esplorare per conoscere la Natura, compagna di fede e di pensieri vitali.

Interventi di cristianizzazione e di conquista invasero e sterminarono tutto. Intenti civilizzatori e di distruzione di un patrimonio umano nato e con il diritto di rimanere così.

Un Cile visto tutto per intero da Nord a Sud grazie ad un'artista che ne ha costruito la lunghissima forma. Un documentario che restituisce con un velo di mistero la storia del popolo cileno soprattutto attraverso la testimonianza dei pochi discendenti rimasti.

Purtroppo sin dall'inizio poca spettacolarità nell'immagine volta a illustrare le meraviglie della natura cilena. Testo povero di contenuti e per di più ripetitivo. L'acqua quasi come legame forzato tra la storia presente e passata di quella gente: lo sforzo per incollare c'è e si vede e la cosa infastidisce. Dovizia inutile di particolari che rimandano a un tetro gusto per l'atrocità: molto meno sarebbe bastato per rendere consapevoli della brutalià di un regime dittatoriale.

Da vedere, ma senza aspettative.

Avete già visto il film? Lo andrete a vedere? Condividete l'opinione di Giada o siete di un altro parere? Lasciateci un commento con i vostri pensieri sotto!

Seguite la pagina Facebook di No#News per rimanere aggiornati su altri articoli e non dimenticate di condividere l'articolo!

Video

Giada Valzasina

Social Profiles

Lascia un commento