Log in

#La pazza gioia. L'ultima perla di Virzì

LA PAZZA GIOIA

 
regia: Paolo Virzì
soggetto: Paolo Virzì
fotografia: Vladan Radovic
sceneggiatura: Paolo Virzì
montaggio: Cecilia Zanuso
musche: Carlo Virzì
cast: Valeria Bruni Tedeschi, Micaela Ramazzotti, Valentina Carnelutti, Anna Galiena, Marco Messeri , Tommaso Ragno, Bob Messini, Sergio Albelli, Francesca Turrini
 
anno: 2016
nazione: Italia
produzione: Lotus Production, Manny Films, Rai Cinema
distribuzione: 01 Distribution
genere: drammatico, commedia
data uscita in Italia: 17 maggio 2016
durata:118 min
giudizio complessivo: 
impegno:  

L'ultima pellicola di Virzì è arrivata a Cannes, forse dalla parte sbagliata. La pazza gioia è stato presentato nel festival parallelo a quello dalla palma dorata, la competizione poco meno frenetica ma di eguale qualità: la Quinzaine des Rèalisateurs.

 

Beatrice Morandini, logorroica e megalomane, è trattenuta in una struttura di recupero per donne con problemi giudiziari. Donatella Morelli, cupa e silenziosa, fa il suo ingresso nella stessa struttura. Tra le due sorge l'affinità e la complicità che riesce a metterle in fuga. Le due, tanto diverse quanto simili, si rimettono sulla scia del proprio passato per riprenderne i fili spezzati da tempo, con tutti i problemi del caso.

 

Ancora una volta Virzì mette sulla scena personaggi studiati, colmi e traboccanti di sfumature. Esistenze per la quale è impossibile restare impassibili. Se ne “Il capitale umano” questo era percepibile, ne “La pazza gioia” il risultato è amplificato, voluto e assolutamente ottenuto.

 

Il film è un continuo mutare, non perde mai la grinta. Diverte e commuove. Catartico fino all'ultima scena. L'ottima tecnica registica di Virzì è sorretta da due splendide interpretazioni, perché Valeria Bruni Tedeschi e Micaela Ramazzotti sono l'anima dell'intera confezione. La Tedeschi è un uragano, magnetica, spontanea e ironica. Insomma non ha perso un colpo, anzi è salita di un paio di gradini. L'insicurezza, i silenzi parlanti e la voce tremante danno forma ad un fantasma che prende possesso del corpo della Ramazzotti, trasformandola nel personaggio di cui Virzì aveva necessità.

 

I temi probabilmente sono triti e ritriti, ma il regista ha saputo parlare di malattia, allontanamento dalla società e problemi con la giustizia in modo davvero originale, forse anche perché mosso da un intimismo di fondo, un vissuto che fa da garante. Neanche il temi della depressione e del suicidio sono spiattellati sullo schermo in modo grezzo. La pazza gioia è accompagnato da una costante eleganza delle immagini, oltre che dalla sceneggiatura che riesce a fare a meno di sbavature. In un paio di sequenze il film rischia di cadere in quell'abisso chiamato sentimentalismo spicciolo, riuscendo però sempre ad evitare il salto sul crepaccio. Incorniciato dalla mai tramontata “Senza fine” di Gino Paoli, La pazza gioia è quel film che può farci sentire fieri del cinema Italiano.

Avete già visto il film? Lo andrete a vedere? Condividete l'opinione di Luca o siete di un altro parere? Lasciateci un commento con i vostri pensieri sotto!

Seguite la pagina Facebook di No#News per rimanere aggiornati su altri articoli e non dimenticate di condividere l'articolo!

Video

Luca Cardone

Appassionato di letteratura classica, divoratore di testi teatrali e immancabilmente cinefilo nel midollo.

Follemente innamorato dello scrittore austriaco Thomas Bernhard.

Consacra la sua vita accademica alla filosofia, amalgamando gli antichi studi libreschi con la materia del cinema.

Aspirante scrittore con il sogno nel cassetto della regia; non è insolito sentirgli dire: dopo Tarkovskij se proprio c'è qualcuno quello è Dio.

Social Profiles

Lascia un commento