Log in

#Warcraft, dal videogame al grande schermo

WARCRAFT

 
regia: Duncan Jones
soggetto: Warcraft (videogioco), Chris Metzen (storia e personaggi)
fotografia: Simon Duggan
sceneggiatura: Duncan Jones, Charles Leavitt
montaggio: Paul Hirsch effetti speciali David Benediktson, Jordan Kidston, Mark Mentiply, Darryl Reeves
musiche: Ramin Djawadi
cast: Travis Fimmel, Toby Kebbel, Ben Foster , Paula Patton , Dominic Cooper
 
anno: 2016
nazione: Stati Uniti
produzione: Universal Pictures, Atlas Entertainment, Legendary Pictures, Blizzard Entertainment
distribuzione: Universal Pictures
genere: azione, fantastico
data uscita in Italia: 1 giugno 2016
durata: 123 min
giudizio complessivo: 
impegno:  

Gamer accorrete, gli orchi, i guerrieri e la magia che vi hanno trattenuti per ore, giorni e settimane incollati sugli schermi dei vostri pc prendono un respiro nuovo. Duncan Jones li ha evocati e impiantati sul grande schermo.

Warcraft è il primo film di quella che ha tutta l’aria d’essere una saga, e anche bella lunga. Gli orchi fuggono dal loro mondo per invadere le terre fertili degli uomini. Per farlo l’orco Gul’dan crea un portale per trasferire l’orda nel mondo umano. Il potere di cui fa uso, il “Vil”, un nome fantasy per la più nota magia oscura, si rivela un’arma pericolosa per la stessa razza degli orchi.

Per veri appassionati della saga, il film di Jones ha la pecca di trasportare lo spettatore nel mondo di warcraft, ripreso fedelmente dal videogame, senza specificare nulla. “Se non hai mai giocato, peggio per te”. Non si è in balia di lingue inventate e avvenimenti messi a caso, dato che in linea di massima il film segue un preciso filone; tuttavia si resta all’oscuro di un una serie di particolari, una matassa impossibile da sbrogliare se non scoprendo i segreti del gioco.

Travis Fimmel ormai è inseparabile da spade, scudi e guerre. Prelevato di forza dal set della serie Vikings, l’attore e ex fotomodello pare portare sul set gli stessi connotati del vichingo Ragnar. Il passaggio da film storico a fantasy pare non averlo scalfito minimamente.

Il film procede sempre, forse troppo. Non si ha pace in warcraft, si è costantemente martellati sulle tempie. Riproporre un videogame decisamente vuol dire far vedere l’azione, certo, ma la traduzione cinematografica avrebbe meritato poca più riflessione, un briciolo di attesa. La sconfinata serie di scontri sanguinari andava forse diluita per tenere sano e lontano dall’epilessia lo spettatore.

In warcraft non mancano alcune ingenuità: il colpo di fulmine tra la prigioniera metà orca e metà donna e il belloccio di turno, l’eroe che spicca tra tutti gli altri buoni, il duello per vendicare un caro defunto, l’apprendista stregone impacciato che si rivela l’arma vincente.

Effetti speciali sorprendenti, certo, e come potrebbe essere altrimenti nell’era del digitale? In definitiva un film da puro intrattenimento, collocato nel mezzo, tra gli scadenti e improponibili fantasy dell’ultimo decennio e i capolavori del genere di un paio d’anni prima.

Avete già visto il film? Lo andrete a vedere? Condividete l'opinione di Luca o siete di un altro parere? Lasciateci un commento con i vostri pensieri sotto!

Seguite la pagina Facebook di No#News per rimanere aggiornati su altri articoli e non dimenticate di condividere l'articolo!

Video

Luca Cardone

Appassionato di letteratura classica, divoratore di testi teatrali e immancabilmente cinefilo nel midollo.

Follemente innamorato dello scrittore austriaco Thomas Bernhard.

Consacra la sua vita accademica alla filosofia, amalgamando gli antichi studi libreschi con la materia del cinema.

Aspirante scrittore con il sogno nel cassetto della regia; non è insolito sentirgli dire: dopo Tarkovskij se proprio c'è qualcuno quello è Dio.

Social Profiles

Lascia un commento