Log in

#Sieranevada. Prodigioso Puiu

SIERANEVADA

 
regia: Cristi Puiu
fotografia: Barbu Balasoiu
sceneggiatura: Cristi Puiu
cast: Mimi Branescu, Andi Vasluianu, Bogdan Dumitrache, Ana Ciontea ,Dana Dogaru, Ioana Craciunescu
 
anno: 2016
nazione: Romania
produzione: Mandragora, Productions 2006, Studioul de Creatie Cinematografica al Ministerului Culturii
distribuzione: Parthenos
genere: drammatico
data uscita in Italia: 12 maggio 2016
durata: 173 min
giudizio complessivo: 
impegno:  

Presentato durante la rassegna “Cannes e dintorni 2016”, il pubblico milanese e romano ha avuto la possibilità di visionare l'ultima pellicola del regista rumeno Cristi Puiu, il film in concorso per la palma d'oro che è riuscito a frammentare la critica.

Lary trascorre una giornata con la sua famiglia per commemorare il suo defunto padre. Tra l'attesa delle benedizioni del prete, arrivi inaspettati e segreti che vengono a galla, le dinamiche familiari subiscono drastici cambiamenti.

Puiu confeziona uno di quei film che ogni regista dovrebbe ritrovare alle proprie spalle una volta chiusi i battenti. Pesante e lungo certo, un film per gladiatori da grande schermo. Ma chi sonnecchia, chi sbuffa e chi lascia la sala, a termine proiezione ha perso davvero tanto.

Il sacrificio che Sieranevada richiede al suo spettatore è ripagato.

Il regista rumeno è abilissimo nel trasformare una comunissima casa (il film è girato quasi interamente in casa), nel giorno di una triste ricorrenza, in un teatrino caloroso, onnicomprensivo, incredibilmente umano. Il montaggio è ridotto all'osso, la frammentazione delle sequenze è quasi nulla. Noi siamo lì, in una famiglia comune, tra zie piagnucolanti, cugine che minacciano chiunque svegli il piccolo che dorme e i soliti discorsi sulla politica che non portano da nessuna parte. Sieranevada a tratti non è neanche un film, è uno di quei filmini che tutti abbiamo in casa, come quello del natale a casa di tizio o il compleanno festeggiato a casa di caio, fatta eccezione per la tecnica che con l'amatorialità non ha nulla in comune e per l'originalità delle dinamiche.

La macchina da presa è un fantasma, segue chi si muove di stanza in stanza disvelando i mini-drammi di tutti i personaggi. C'è ironia, ci sono i pianti isterici, ci sono le confessioni liberatorie e le scaramucce. Un crescendo instancabile che sfocia in esplosioni casalinghe che divertono perfino.

Tragicommedia semplice, a tratti banale,di cui siamo spettatori e attori. Sieranevada è un cammino comunitario in cui ci s'interroga su se stessi, sulla propria posizione. E' un vero e proprio ridimensionamento. E' un soffio di vento fresco su un castello fatto con le carte. Ci si ritrova spesso in Sieranevada, uno specchio difficile da ignorare, difficile da assimilare per intero. Difficile da dimenticare.

Sieranevada è un capolavoro, ma non vogliamo rischiare di risultare banali, dunque lo ribadiamo. Sieranevada è un capolavoro.

Avete già visto il film? Lo andrete a vedere? Condividete l'opinione di Luca o siete di un altro parere? Lasciateci un commento con i vostri pensieri sotto!

Seguite la pagina Facebook di No#News per rimanere aggiornati su altri articoli e non dimenticate di condividere l'articolo!

Luca Cardone

Appassionato di letteratura classica, divoratore di testi teatrali e immancabilmente cinefilo nel midollo.

Follemente innamorato dello scrittore austriaco Thomas Bernhard.

Consacra la sua vita accademica alla filosofia, amalgamando gli antichi studi libreschi con la materia del cinema.

Aspirante scrittore con il sogno nel cassetto della regia; non è insolito sentirgli dire: dopo Tarkovskij se proprio c'è qualcuno quello è Dio.

Social Profiles

Lascia un commento