Log in

#Goodnight mommy: vedo e non vedo

GOODNIGHT MOMMY

 
regia: Veronika Franz, Severin Fiala
soggetto: Veronika Franz, Severin Fiala
fotografia: Martin Gschiacht
sceneggiatura: Veronika Franz, Severin Fiala
montaggio: Michael Palm
musiche: Olga Neuwirth
cast: Susanne Wuest, Lukas Schwarz, Elias Schwarz
 
anno: 2014
nazione: Austria
produzione: Radius
distribuzione: Koch Media
genere: horror
data uscita in Italia: 27 luglio 2016
durata: 99 min
giudizio complessivo: 
impegno:  

Esordio al cinema di Veronika Franz, moglie del ben più noto regista austriaco Ulrich Seidl, aiutata dal montatore Severin Fiala nel realizzare un thriller mascherato da horror. Un'opera prima sorprendente.

Il gioco spensierato dei gemelli Elias e Lukas viene interrotto dal ritorno della madre dei due che, dopo un'operazione al viso, si mostra ai ragazzini con il volto bendato ed irriconoscibile. Sorgono così sospetti e tensioni che mettono repentaglio l'intera famiglia.

Ich Seh, Ich Seh, titolo originale del film, rende con profondità l'idea generale della pellicola. Veronika Franz filma un vero e proprio”vedo e non vedo” che manda in tilt fino al punto in cui si vede costretta a chiarire qualche particolare.

La Franz si distacca totalmente dalla poetica e dalla stilistica di Seidl, che in qualche modo avrà influito con la sua persona su tutto il progetto (essendo tra i co-produttori). La neo regista austriaca affascina per 99 minuti con una trama che s'interroga e ci interroga di continuo. Straniante è il non capire chi è reale e chi no, chi mente e chi dice il vero, continuando a scrutare ognuno dei tre personaggi del film con occhio critico.

Goodnight mommy è un film affidabile; lo è nel momento in cui ogni sequenza, al contrario, diviene totalmente incerta. La trama induce a cambiare di continuo opinione fino al momento in cui, quei particolari che la Franz deve chiarire emergono dal mistero e dal silenzio. Palpabili dunque le tensioni, le affinità tra i due gemelli complici e le idiosincrasie che sorgono nei due piccoli e determinati ragazzini.

La conclusione sanguinaria e brutale rende giustizia alla prolungata attesa, preparazione meticolosa con cui la Franz tarda l'esplosione: una lunga miccia, perfetta nelle sue parti tecniche, che innesca un delirio omicida conclusivo. Accettiamo da spettatori d'aver creduto a lungo l'esistenza di chi non è mai stato e gustiamo le sadiche azioni del figlio visionario, scene pungenti che danno valore all'etichetta horror che il film trascina con sé. Discutibile la scena finale, il falso lieto fine ammiccante, il ritrovo di chi si ricongiunge ai defunti; forse un po' ingenuo. Più che sufficiente, un film che resta.

Avete già visto il film? Lo andrete a vedere? Condividete l'opinione di Luca o siete di un altro parere? Lasciateci un commento con i vostri pensieri sotto!

Seguite la pagina Facebook di No#News per rimanere aggiornati su altri articoli e non dimenticate di condividere l'articolo!

Video

Luca Cardone

Appassionato di letteratura classica, divoratore di testi teatrali e immancabilmente cinefilo nel midollo.

Follemente innamorato dello scrittore austriaco Thomas Bernhard.

Consacra la sua vita accademica alla filosofia, amalgamando gli antichi studi libreschi con la materia del cinema.

Aspirante scrittore con il sogno nel cassetto della regia; non è insolito sentirgli dire: dopo Tarkovskij se proprio c'è qualcuno quello è Dio.

Social Profiles

Lascia un commento