Log in

#La ragazza senza nome: I Dardenne e il fissismo cinematografico.

LA RAGAZZA SENZA NOME

 
regia: Jean-Pierre Dardenne, Luc Dardenne
soggetto: Jean-Pierre Dardenne, Luc Dardenne
fotografia: Alain Marcoen
sceneggiatura: Jean-Pierre Dardenne, Luc Dardenne
montaggio: Marie-Hélène Dozo
cast: Adèle Haenel, Jérémie Renier, Olivier Gourmet, Fabrizio Rongione, Thomas Doret, Christelle Cornil
 
anno: 2016
nazione: Belgio
produzione: Les Films du Fleuve, Savage Film
distribuzione: Bim distribuzione
genere: drammatico
data uscita in Italia: 27 ottobre 2016
durata: 113 min
giudizio complessivo: 
impegno:  


 

In concorso a Cannes 2016, il dramma-giallo dei Dardenne, fedele al solito stile dei due artisti, dal 27 ottobre al cinema.

Dopo l'orario di chiusura il medico Jenny sente suonare alla porta del suo studio ma, impegnata nel correggere gli impulsi emotivi di un giovane stagista, non risponde. Il giorno seguente viene a sapere della morte di una giovane ragazza che prima di morire avrebbe suonato il suo campanello.

Questa volta i due fratelli belgi si lanciano in un vero e proprio giallo. Uso volutamente e cinicamente la parola “lanciano”, perché parlando dei Dardenne dovrebbe balzare agli occhi un vero e proprio ossimoro in questo caso. Jean-Pierre e Luc non saltano e non fanno saltare proprio un bel niente, per natura forse, come fosse un limite archetipo, quasi un epiteto in via di costruzione se osserviamo la filmografia degli ultimi anni; “Stilistica”, se vogliamo concedere il beneficio del termine.

Fatto sta che “La ragazza senza nome” è un filone immobile, una caccia al nome mossa nelle solite strade, nei soliti quartieri deserti, luoghi da Dardenne, con quei ricorrenti personaggi freddi e quotidiani che non hanno nulla di speciale, svuotati e poi riempiti a piacere dal gelo dei due vecchi registi. Un giallo di periferia in cui semplici e poveri pazienti si rivelano per quel che sono: ancora poveri pazienti, ma con qualche scheletro nell'armadio. Telefonate, informazioni, rivelazioni: il procedere di un comune film d'indagine che fa a meno del climax. Il film stanca. Dopo un po', sinceramente, non vediamo l'ora di trovare il colpevole e l'identità della ragazza scomparsa solo per evadere dalla tiritera della buona e disponibile dottoressa, paladina dei senza nome, dalla coscienza che marcisce giorno dopo giorno per i sensi di colpa.

Tecnicamente la confezione risulta asetticamente perfetta. Più che artisti i due fratelli sembrano ingegneri dell'immagine drammatica. La Haenel, vista di recente in Les Ogres, mostra con la staticità del suo ultimo ruolo l'incredibile facoltà d'adattarsi a qualsiasi copione, seppure la preferiamo infinite volte nei panni della teatrante circense dai modi estroversi.

Per i Dardenne si parla di vero e proprio fissismo ormai. Monocromatici, creano il proprio stereotipo; continuano a mostrare una regia favolosa ma non incuriosiscono neanche più oramai.

Avete già visto questo film? Lo andrete a vedere? Condividete l'opinione di Luca o siete di un altro parere? Lasciateci un commento con i vostri pensieri sotto!

Seguite la pagina Facebook di No#News per rimanere aggiornati su altri articoli e non dimenticate di condividere l'articolo!

Video

Luca Cardone

Appassionato di letteratura classica, divoratore di testi teatrali e immancabilmente cinefilo nel midollo.

Follemente innamorato dello scrittore austriaco Thomas Bernhard.

Consacra la sua vita accademica alla filosofia, amalgamando gli antichi studi libreschi con la materia del cinema.

Aspirante scrittore con il sogno nel cassetto della regia; non è insolito sentirgli dire: dopo Tarkovskij se proprio c'è qualcuno quello è Dio.

Social Profiles

Lascia un commento