Log in

#Florence, la peggiore cantante del mondo

FLORENCE
 
regia: Stephen Frears
fotografia:  Danny Cohen
sceneggiatura:  Nicholas Martin
montaggio: Valerio Bonelli
musiche: Alexandre Desplat
cast: Meryl Streep, Hugh Grant, Simon Helberg, Rebecca Ferguson, Nina Arianda, John Kavanagh, David Haig, Christian McKay, Mark Arnold
 
anno: 2016
nazione: Gran Bretagna
produzione: Qwerty Films, Pathé, BBC Films
distribuzione: Lucky Red
genere: commedia, biografico
data uscita in Italia: 22 dicembre 2016
durata: 111 min
giudizio complessivo: 
impegno: 

Stephen Frears ci porta nel mondo stonato della peggiore cantante del mondo, Florence Foster Jenkins, la ricca ereditiera che nel 1944 fece il tutto esaurito al Carnegie Hall. Dal 22 dicembre nelle sale italiane.

Florence Foster Jenkins dedica la sua vita alla musica. Abbandona il piano da giovanissima per via della sifilide, contratta dal suo primo marito. Il nuovo compagno e assistente le consente di coronare il suo sogno, cantare di fronte ad un pubblico, nonostante le sue totali incapacità canore.

 

Quella di Frears è una fresca e divertente commedia sofisticata che denota l'assoluto impegno di un regista che si sporca le mani per la sessantesima volta in ambito cinematografico. Includendo costumi e scenografie, la pellicola dalle particolari tonalità sonore è un vero inno all'amore per la musica, oltre che un teatro di posa per la pluri premiata attrice come Meryl Streep.

A rendere sopportabili più di due ore di strilli, acuti disarmonici e veri e propri schiamazzi da mercato è Meryl Streep, che non a caso è stata nominata di recente ai Golden Globe per la miglior interpretazione da protagonista. Incarna la perfetta ricca donna borghese che svolazza a destra e sinistra come una vecchia fata che non vuole andare in pensione, restituendo il vero amore per la musica (non ricambiato) che la malaticcia signora Foster ha sempre trascinato con se sul palco nonostante l'ilarità del pubblico. 

Come in un film di Capra aleggia la dimensione del sogno. A sognare è il giovane pianista assunto dalla signora Foster (quel simpatico Simon Helberg di The Big Bang Theory) che viene catapultato nella grande sala della Carnegie Hall pur non credendo nella sua mecenate , così come la stessa donna che senza rendersi conto dei suoi strilli, spira tra le braccia del suo compagno per via della malattia, consapevole del fatto che nonostante le risate e le cattive recensioni, ha cantato davvero.

Divertente e dinamica l'intera struttura del film nel mostrare un particolare pubblico borghese che pur di restare nella “cerchia dei luminosi” è disposto a tapparsi la bocca con un fazzoletto per non esplodere in fragorose risate durante gli spettacoli della Foster, così come quei critici che accettano compensi generosi da parte dell'elegantissimo St. Clair Bayfield (Hug Grant) in cambio di articoli particolarmente generosi.

Una commedia simil-hollywoodiana vecchio stile editata in tempi moderni, diretta da mani sapienti ed interpretata da chi ha da sempre una marcia in più.

Avete gia' visto questo film? Lo andrete a vedere? Condividete l'opinione di Luca o siete di un altro parere? Lasciateci un commento con i vostri pensieri sotto!

Seguite la pagina Facebook di No#News per rimanere aggiornati su altri articoli e non dimenticate di condividere l'articolo!

Video

Luca Cardone

Appassionato di letteratura classica, divoratore di testi teatrali e immancabilmente cinefilo nel midollo.

Follemente innamorato dello scrittore austriaco Thomas Bernhard.

Consacra la sua vita accademica alla filosofia, amalgamando gli antichi studi libreschi con la materia del cinema.

Aspirante scrittore con il sogno nel cassetto della regia; non è insolito sentirgli dire: dopo Tarkovskij se proprio c'è qualcuno quello è Dio.

Social Profiles

Lascia un commento