Log in

#Split. Il mostruoso mito del dolore

SPLIT

regia: M. Night Shyamalan 
fotografia: Michael Gioulakis
sceneggiatura: M. Night Shyamalan 
montaggio: Luke Franco Ciarrocchi
musiche: West Dylan Thordson
cast: James McAvoy, Anya Taylor-Joy, Haley Lu Richardson, Betty Buckley, Brad William Henke, Jessica Sula, Kim Director
 
anno: 2017
nazione: Stati Uniti
produzione: Blinding Edge Pictures, Blumhouse Production
distribuzione: Universal Pictures
genere: thriller
data uscita in Italia: 26 gennaio 2017
durata: 117min
giudizio complessivo: 
impegno: 


Al cinema il caso di Billy Milligan che diventa il nuovo film di Shyamalan”Split”.Un racconto sospeso tra follia reale e qualcosa di poco più fantasioso.

Kevin ha dentro di se ventitré personalità differenti che si alternano passandosi la “luce” ciclicamente. Quando tre delle identità con tendenze estremiste prendono il sopravvento sulle altre comincia l'incubo per tre ragazze rapite nel parcheggio di un centro commerciale, destinate ad essere il pasto della bestia, ventiquattresima personalità sconosciuta anche alla dottoressa che studia il caso di Kevin.

 

 

Questa volta mi sono fidato di Shyamalan. “Con una storia così come fa a non fare un film memorabile?” mi sono detto. E poi questo caso di Billy Milligan, l'uomo dalle personalità multiple che ha violentato e aggredito alcune studentesse universitarie ha stregato un po' tutti, compreso Leonardo DiCaprio che ,stando a quanto si dice in giro, sta preparando un film sullo stesso materiale. Attendiamo. 

Ma è di Split che parliamo, il film che si pone a metà tra la terza stagione di Hannibal e il capolavoro di Hitchcock, Psyco, esasperando però i propri punti di partenza. Bravo Shyamalan nel costruire le varie identità, caratterizzandole in modo minuzioso, riempiendole con quei dettagli che solo l'ottima interpretazione di McAvoy avrebbe potuto riflettere sul grande schermo, quest'ultimo che fa da unico garante all'intera confezione per il raggiungimento stentato della sufficienza e che tutto sommato non ci fa mancare troppo Norman Bates. Nell'idea proposta da Split si è proprio ciò che si crede d'essere. Pensare d'essere una donna o un leone non entra in collisione con la la propria struttura fisica di partenza: un ordinario corpo da essere umano.






Il problema è che Shyamalan, nel costruire il suo mostro forgiato dalle piaghe dei dolori d'infanzia, ha finito per prendersi sul serio, trasferendo la totale follia di un uomo che andrebbe rinchiuso a vita (con tanto di chiave gettata nelle fogne) in una figura leggendaria, da iconografia medievale, che sbrana, salta, morde e soprattutto non muore. L'amore del regista per la sua creatura è impressa con forza sintetica all'interno di quel pàthei màthos scevro e svuotato dalla profondità di una tragedia greca, di cui è stato preso solo il guscio, un dolore che finisce per divinizzarsi ma in modo autoreferenziale, che lascia a noi spettatori solo il farfugliare un po' “emo” di uno squilibrato con un passato difficile. I ritmi sono quelli giusti, ma il restare con i piedi di piombo avrebbe garantito al bistrattato regista de”Il sesto senso” di portare a casa risultati migliori, poco più razionali.

 

Le figure femminili sul set, specchio snodato e multiforme della vecchia madre che brutalizzava il povero Kevin, sono a dire il vero quasi del tutto consumate dalla presenza , pardon, presenze che animano le brutte stanze in cui “i folli” le tengono rinchiuse. C'è una Anya Taylor-Joy che già ci fa provare nostalgia per quel senso di pura malignità sovrana che vive in The Witch, attrice che qui quasi fa finta di ripetere quello che ha letto sul copione.

Quasi non meriterebbe d'essere preso in considerazione il finale auto-citazionista con cui Shyamalan interseca le sue stesse trame facendo comparire David Dunn (Bruce Willis) direttamente dal set di “Unbreakable”, lasciando ipotizzare qualcosa di simile ad uno spin-off/sequel o quel che sarà. Male, quasi malissimo.

Seguite No#News Magazine sui social!

   

Avete gia' visto questo film? Lo andrete a vedere? Condividete l'opinione di Luca o siete di un altro parere? Lasciateci un commento con i vostri pensieri sotto!

Seguite la pagina Facebook di No#News per rimanere aggiornati su altri articoli e non dimenticate di condividere l'articolo!

Video

Luca Cardone

Appassionato di letteratura classica, divoratore di testi teatrali e immancabilmente cinefilo nel midollo.

Follemente innamorato dello scrittore austriaco Thomas Bernhard.

Consacra la sua vita accademica alla filosofia, amalgamando gli antichi studi libreschi con la materia del cinema.

Aspirante scrittore con il sogno nel cassetto della regia; non è insolito sentirgli dire: dopo Tarkovskij se proprio c'è qualcuno quello è Dio.

Social Profiles