Log in

#Scorpions: energia nonostante gli anni

Un anno fa eravamo al concerto conclusivo dell'ultimo tour della carriera, a Bruxelles, e pensavamo fosse un addio, invece è stato un arrivederci! Li ritroviamo al Mediolanum Forum di Assago per una delle numerose tappe del loro tour mondiale per celebrare i 50 anni da quando uno sconosciuto Rudolf iniziò a suonare le prime note di quello che dal 1969 sarebbe stato Il Rock sotto il nome degli Scorpions.

 

Si può dire con certezza che la band è ancora sulla cresta dell'onda, molto amata dal suo pubblico e non ho mai nascosto, anche dal sottoscritto. E' pubblico di fanatici eterogeneo che attraversa tre generazioni quello che con calore ha accolto il gruppo già dalla precedente data romana ed accoglie con entusiasmo anche questa serata milanese. 

Un impianto scenico sempre al livello dei più grandi concerti e dei gruppi top della scena mondiale accompagna la performance della band rock band tedesca ed una scaletta proposta è una raccolta dei successi indiscussi della lunga carriera a cui tuttavia, inspiegabilmente, manca all'appello No one like you, e con un bis, che non è un vero e proprio bis, visto che propone due pezzi non suonati in precedenza.

Scaletta del concerto degli Scorpions del 11 Novembre 2015 al Mediolanum Forum di Assago

Going Out with a Bang
Make It Real
The Zoo
Coast to Coast
Top of the Bill / Steamrock Fever / Speedy’s Coming / Catch Your Train
We Built This House
Delicate Dance
Always Somewhere / Eye of the Storm / Send Me an Angel
Wind of Change
Rock ‘n’ Roll Band
Dynamite
Kottak Attack
Crazy World
Blackout
Big City Nights

Still Loving You
Rock You Like a Hurricane

 

Devo dire che gli anni e soprattutto le date passate (ed i relativi chilometri percorsi) sembrano farsi sentire. Le canzoni sempre energiche e sparate potentemente dagli altoparlanti, ma tutta la band è apparsa abbastanza affaticata, anche Kottak che ci aveva abituati ad energici e infiniti assoli di batteria, non è apparso così in forma nel suo Kottak Attack (il ragazzo continua comunque a martellare come un fabbro!). Se poi si aggiungono i noti problemi di acustica del Forum, si esce dal concerto (non è stato un pò cortino?!) con un senso di appagamento non completo, come mancasse qualcosa (forse alcune hit?).

Fotogallery del concerto degli Scorpions del 11 Novembre 2015 al Mediolanum Forum di Assago

Concerto degli Scorpions del 11 Novembre 2015 @Mediolanum Forum di Assago
Concerto degli Scorpions del 11 Novembre 2015 @Mediolanum Forum di Assago
Concerto degli Scorpions del 11 Novembre 2015 @Mediolanum Forum di Assago
Concerto degli Scorpions del 11 Novembre 2015 @Mediolanum Forum di Assago
Concerto degli Scorpions del 11 Novembre 2015 @Mediolanum Forum di Assago
Concerto degli Scorpions del 11 Novembre 2015 @Mediolanum Forum di Assago
Concerto degli Scorpions del 11 Novembre 2015 @Mediolanum Forum di Assago
Concerto degli Scorpions del 11 Novembre 2015 @Mediolanum Forum di Assago
Concerto degli Scorpions del 11 Novembre 2015 @Mediolanum Forum di Assago
Concerto degli Scorpions del 11 Novembre 2015 @Mediolanum Forum di Assago
Concerto degli Scorpions del 11 Novembre 2015 @Mediolanum Forum di Assago
Concerto degli Scorpions del 11 Novembre 2015 @Mediolanum Forum di Assago
Concerto degli Scorpions del 11 Novembre 2015 @Mediolanum Forum di Assago
Concerto degli Scorpions del 11 Novembre 2015 @Mediolanum Forum di Assago
Concerto degli Scorpions del 11 Novembre 2015 @Mediolanum Forum di Assago
Concerto degli Scorpions del 11 Novembre 2015 @Mediolanum Forum di Assago
Concerto degli Scorpions del 11 Novembre 2015 @Mediolanum Forum di Assago

I concerti dal vivo sono comunque un'occasione di "vivere un'esperienza rock" e in questo senso il fine è stato raggiunto e nonostante tutto gli Scorpions rimangono una band top, ed il senso di smarrimento per questa perfomance non esclude che li seguiremo in uno dei prossimi appuntamenti europei... stay tuned!

Juri Signorini

Viaggiatore iperattivo, tenta di sempre di confondersi con la popolazione indigena.

Amante della lettura, legge un pò di tutto. Dai cupi autori russi, passando per i libertini francesi, attraverso i pessimisti tedeschi, per arrivare ai sofferenti per amore, inglesi. Tra gli scrittori moderni tra i preferiti spiccano Roddy Doyle, Nick Hornby e Francesco Muzzopappa.

Melomane vecchio stampo: è chiamato il fondamentalista del Loggione. Ama il dramma verdiano così come le atmosfere oniriche di Wagner.

L'opera preferita tuttavia è la Tosca, la quale si narra, ma non vi sono prove certe, lo abbia commosso fino alle lacrime..

In questa categoria: #Dreams Are Alive Tonite »

Lascia un commento