Log in

#Se desideri, veramente qualcosa, questa si avvera: basta volerlo

MR. ZUPPA CAMPBELL, IL PETTIROSSO E LA BAMBINA

autore: Fannie Flagg
editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli
genere: Narrativa
anno: 2008
lunghezza di stampa: 240 pagine
ISBN: 978-88-170-2848-6

Oswald, con un mal di testa feroce e un vistoso bernoccolo sulla fronte, lottò per rimettersi le scarpe. Quando finalmente uscì, rimase completamente spiazzato. Era passato da un ripostiglio buio come la pece a un mondo bianco e accecante, solcato da frecce rosse.

Che spettacolo! Scendevano ancora grossi fiocchi bianchi, e mentre era lì a bocca aperta in mezzo alla strada gli pareva di stare in uno di quei fermacarte di vetro con dentro la neve. Chissà, forse era ancora brillo. Ma all’improvviso si sentiva nell’illustrazione di un libro di fiabe. I festoni di muschio coperti di neve sembravano lunghe barbe bianche appese agli alberi. Quando lo vide, Patsy gli andò vicino e gli prese la mano. “L’ho visto, sai?” gli disse, tutta rossa in viso e con gli occhi che brillavano. “È venuto da me. È bastato desiderarlo con tutte le mie forze, proprio come mi hai insegnato tu.


 

È proprio quando credi che il tempo che hai a disposizione sia finito che “inizia”.

Forse quella fine si riferiva solo a un’esistenza che non andava più bene oppure che finalmente la vita aveva deciso di darti quello che era giusto tu avessi.

La storia inizia con Oswald P. Campbell (così dal nome di una famosa zuppa la cui lattina vuota era stata messa vicino al bambino abbandonato).

Ed è stata così la sua vita: VUOTA e abbandonata a se stessa.

Un bambino orfano, rimasto in orfanotrofio fino a 18 anni perché nessuno mai l’ha voluto adottare.

Una carriera militare mai decollata, un matrimonio fallito alle spalle, una salute cagionevole che è quasi giunta alla fine.

E poi iniziano le coincidenze e i miracoli, perché a volte si sa, basta volerle veramente e le cose iniziano ad accadere e i desideri a realizzarsi.

Oswald si trasferirà in un paese più caldo di Chicago, un minuscolo paese di 108 abitanti ma basteranno a dargli la felicità che mai prima d’ora aveva assaporato.

Per la prima volta in vita sua sarà felice e non triste a Natale; scoprirà il significato della parola altruismo e quanto aiutare gli altri lo farà star bene con se stesso.

Incontrerà una bambina zoppa, che se ne va in giro vestita di vecchi abiti lisi e senza scarpe, che passa il suo tempo a giocare con un pettirosso.

Sarà l’inizio di una nuova vita per Osvald, e non solo.

Un libro dai toni lievi, una sorta di fiaba della felicità, dell’amicizia e dell’amore.

Ci sono anche tutte le ricette che nel corso del libro vengono citate.

Un libro da leggere ed infine da gustare.

Seguite la pagina Facebook di No#News per rimanere aggiornati su altri articoli e non dimenticate di condividere l'articolo!

Lascia un commento