Log in

#Balliamo la nostra canzone preferita

ASPETTANDO BOJANGLES

autore: Olivier Bourdeaut
editore: Neri Pozza
genere: narrativa conntamporanea
anno: 2016
lunghezza di stampa: 144 pagine
ISBN: 978-88-545-1243-6

«A ogni modo un po’ pazza lo sono sempre stata, e anche se lo divento un po’ di più o un po’ di meno questo non cambierà l’amore che voi avete nei miei confronti, dico bene?»

Io e papà ci eravamo guardati trovando entrambi che quell’idea meritava senz’altro un posto di riguardo nel cantuccio del buon senso.

«Ci eravamo fermati lungo la Costa Brava … Guardandoli seduti sotto un ulivo, a parlare e a ridere offrendo al sole la faccia bianca, avevo pensato che non mi sarei mai pentito di avere commesso una simile follia. Un quadro così bello non poteva essere frutto di uno sbaglio, di una cattiva scelta; una luce così perfetta non poteva produrre alcun ripensamento. Mai»

Inventatemi una bella storia, voi che sapete mentire così bene!

Ecco a voi lo straordinario racconto di una famiglia che vive sopra le righe per quelle che sono i dogmi della società.

Non mancano le feste, i cocktail, le grandi cene, i balli ma soprattutto si percepisce un grande senso di amore.

L’amore come la prima volta che ci si è innamorati.

L’amore di una splendida coppia.

L’amore di un figlio cercato e voluto.

L’amore puro di un figlio per i propri genitori.

Tra le righe e anche oltre, si percepisce l’amore autentico di questa madre, per suo figlio, che malgrado alcuni momenti poco lucidi non ne viene mai meno.

Una storia raccontata “a dritto e a rovescio”, proprio come dice il nostro giovane protagonista.

È bello leggere le storie che il padre racconta al figlio per attenuare un po’ quella che invece è la triste realtà; e mai ci potrebbe venire in mente che i genitori di questo fanciullo, malgrado la sregolatezza che caratterizza la loro esistenza, non se ne prendano cura in modo più che amorevole.

È una lettura che può lasciare un po’ di amaro in bocca e anche una domanda, perché, perché anche tu? Ma gli si perdona tutto a questi genitori perché la loro storia era un’autentica storia d’amore.

Lascia un commento