Log in

#Ti chiamerò Amy come la mia bambola preferita

AMY SNOW

autore: Tracy Rees
editore: Neri Pozza
genere: Narrativa Storica
anno: 2016
lunghezza di stampa: 456 pagine
ISBN: 978-88-545-1170-5

“Per me era difficile ammettere quanto dolore mi causasse non sapere chi ero. Avrei dato qualunque cosa per un frammento d’informazione sui miei genitori. Un nome, la forma di un naso, la canzone prediletta… qualunque cosa. Mi sarei impossessata di quei dettagli e li avrei chiusi a chiave nel cuore. Ma non sapevo esprimere questo concetto a parole."

 

Mentre maturava, anche Aurelia si rese conto che la mia nascita non era una favola romantica.

Aurelia interrogò personalmente tutte le famiglie di Enderby invitandole a scavare nei ricordi e a dissotterrare qualunque particolare.

Ma tutto ciò non mi portò a niente. Se qualcuno di Enderby mi aveva messo al mondo, o se sapeva chi fosse stato, tacque”.

Di quanta tristezza, angoscia e solitudine può essere intrisa la vita di una giovane ragazza di 17 anni?

Attraverso un viaggio che inizia con la morte di Aurelia, Amy inizierà a raccontarci della sua vita: dall’inizio di quel tardo pomeriggio di gennaio, quando fu trovata senza vestiti nella neve, a tutte le volte che fu umiliata, vessata, esclusa, emarginata nell’unica casa che le ella avesse mai conosciuto.

Amy, con spirito candido e puro ci metterà a conoscenza di quanta cattiveria è in grado di celarsi nell’animo umano; di quanti abominevoli comportamenti e soprusi sia stata condita la sua esistenza, di quanto indifesa e sola sia stata la sua infanzia (mai una mano si è posata sulla mi guancia per una carezza, mai nessuno mi ha fatto sedere sulle sue ginocchia per raccontarmi una storia).

Solo dopo la morte, dell’unica persona che le ha voluto bene, Amy potrà assaporare la gioia e la felicità di essere accettata ed amata per quella che è.

Di queste esperienze negative Amy trarrà la forza per affrontare le sfide che la vita futura le riserverà.

La storia di Amy ci insegnerà che la vita, oltre la tristezza, la solitudine e la malinconia, può donarci l’amicizia che ci permetterà di godere della serenità e dell’amore che forse, mai, avremmo potuto conoscere.

Un romanzo ben scritto, mai banale o noioso, con notevoli dettagli e descrizioni di un’epoca ormai remota. Una storia avvincente anche se a volte romanzata.

Un romanzo che si inizia e poi si smette di leggere solo quando è finito.

Lascia un commento