Log in

#Flashdance: Se si rinuncia ai sogni si è destinati a morire

FLASHDANCE

tratto da Flashdance di Tom Hedley e Joe Eszterhas
 
musiche: Robbie Roth
liriche: Robert Cary, Robbie Roth
regia: Chiara Noschese
traduzione e adattamento: Chiara Noschese
Giudizio complessivo:
Impegno:

Tratto dall’omonimo film del 1983, arriva al Teatro Nazionale di Milano, l’inedito Musical Flashdance, e per la prima del Musical la direzione del Teatro Nazionale non ha badato a spese. Ha accolto gli spettatori con un ricco e gustoso buffet e fiumi di alcool proprio in stile anni ’80.

Il teatro è gremito di un vasto e variegato pubblico e si notano in platea alcuni noti Vip, da Martina Colombari a Roberto Maroni al grande e amatissimo Renato Pozzetto.

Si spengono le luci in sala, si alza il sipario e finalmente inizia lo show.

Nessuna delusione per il pubblico. La colonna sonora (del film) viene cantata in inglese, come tutte le altre canzoni che saranno eseguite durante il Musical - Maniac, What a Feeling, Manhunt; I Love Rock and Roll, Gloria.

Coreografie, Scenografia, balli catturano completamente il pubblico. Non solo perché si respira tanta nostalgia per un’epoca così eccezionale, che ci ha lasciato una cospicua eredità in termini di indimenticabile musica e di pellicole entrare nella storia, ma soprattutto perché il cast risulta eccezionale. I testi in italiano sono altrettanto belli ed emozionanti.

C’è tanta fatica, volontà di riscattarsi, sofferenza, in ogni grande successo, e come le ripete sempre Anna: “Alex tu volerai. E non importa quanto triste sia la tua storia, il tuo futuro sfocerà in un grande successo, perché te lo meriti”.

Il momento più emozionante è stato proprio il duetto tra Alex ed Anna.

La trama la conosciamo quasi tutti e per chi non la conosce cosa c’è di meglio se non scoprirla proprio andando a vedere il Musical?

E anche questa volta non si rimane delusi. Gran bel Musical.

Ancora una volta ci siamo emozionati come non mai

Curiosità sul film

Jennifer Beals, la protagonista della pellicola, ebbe 4 controfigure e nella scena di breakdance (il balletto dell’audizione) era interpretata da Richard Colòn alias Crazy Legs; la controfigura principale fu Marine Jahan, mentre la scena in cui Alex si libra in aria è stata interpretata dalla ginnasta Sharon Shapiro.

La canzone Gloria interpretata da Laura Branigan è il successo di Umberto Tozzi adattato in lingua inglese.

ACQUISTA SUBITO IL BIGLIETTO

Seguite la pagina Facebook di No#News per rimanere aggiornati su altri articoli e non dimenticate di condividere l'articolo!

Video

Lascia un commento