Log in

#Billy ce la puoi fare!

BILLY ELLIOT


di Lee Hall

tratto da "Billy Elliot" di Stephen Daldry

 

musiche: Elton John

 

regia e adattamento: Massimo Romeo Pipparo

 

coreografo: Roberto Croci

 

scene: Teresa Caruso

 

costumi: Cecilia Betona

 

con Alessandro Frola (Billy), Christina Roberto (Michael), Arcangelo Ciulla (Kevin), Luca Biagini (Padre), Sabrina Marciano (Mrs. Wilkinson), Cristina Noci (Nonna), Donato Altomare (Fratello), Elisabetta Tulli (Madre), Jacopo Pelliccia (George), Maurizio Semeraro (Mr. Braithwaite), Sebastiano Vinci (Big Dave), Claudia Mangini (Debbie), Giuseppe Inga (Billy da grande), Rachele Pacifici, Gea Andreotti, Giorgia Arena, Paolo Avanzini, Andrea Bratta, Germana Cifani, Nico Colucci, Davide Dal Seno, Tiziano Edini, Giuseppe Galizia, Carlo Alberto Gioja, Lorenzo Gitto, Linda Gorini, Lorenzo Grilli, Fabrizia Scaccia, Francesco Venezia

 

direzione musicale: Emanuele Friello

 

luci: Umile Vainieri

 

suono: Alfonso Barbiero

 

presso Teatro Nuovo

 

 

“Billy Elliot” è l’ultimo show della trilogia presentata da Massimo Romeo Piparo, iniziata con “The Full Monty” e “Jesus Christ Superstar”, in scena al Teatro Nuovo di Milano fino al 10 gennaio .

Il musical nasce dall’adattamento del registra Piparo, dall’omonima commedia di Stephen Daldry, con le musiche di Elton John e il libretto di Lee Hall, dove Billy è interpretato da un giovanissimo Alessandro Frola.

Nel clima natalizio, al Teatro Nuovo, viene presentata la storia di un giovane con un grande sogno, in un Inghilterra bigotta e repressiva, dove Billy dovrà lottare sia con la famiglia sia con un mondo pieno di pregiudizi verso la danza; ma come nella storia originale, il bambino affronterà e sconfiggerà gli ostacoli sostenuto dalla sua grande passione.

Tutto questo e molto di più sarà presente sul palco del Teatro Nuovo, dove un piccolo sogno “natalizio” si avvera.

BILLY CE LA PUOI FARE.
DIMENTICATI DI TUTTO IL RESTO.
DEVI SOLO DIMENTICARTI…

Fa un po’ effetto, in questi tempi e soprattutto in Italia, entrare a teatro e vederlo strapieno. Con un musical a volte è più facile e con Billy Elliot non è affatto impossibile. Però c’è sempre un però.

Un musical dovrebbe essere riproposto nella lingua originale in cui è stato creato. Questa mania di riscrivere i testi in lingua italiana snatura di gran lunga lo spettacolo stesso.

Il cambio d’abito in scena è sensazionale non ci si accorge nemmeno, si rimane stupiti dal ritrovarsi, in pochissimi attimi, sul palcoscenico dei giocatori in tenuta sportiva e un secondo dopo delle ballerine perfettamente vestite in tutù.

La scenografia degli specchi ha saputo abilmente riprodurre la Real Accademy.

La scena in cui Billy muta il suo desiderio in passi di danza è da lacrime di commozione e di gioia; è un abbraccio di anima e passi.

Le coreografie dei vari di tip tap sono stati eccezionali.

Merita un grande elogio, non solo come attore, ma come superlativo ballerino CHRISTIAN ROBERTO (Michael l’amico di Billy) che si sa calare nelle parte come se stesse vivendo la sua vita e poi che classe, che tecnica, che bravura nel balletto.

ALESSANDRO FROLA, per essere la prima volta che è in scena è da elogiare, deve ancora un po’ migliorare la paura da palcoscenico ma per avere solo 14 ha una tempra da étoile della Scala.

CRISTINA NOCI (nel ruolo della Nonna di Billy) è la nonna che noi tutti vorremmo avere, è la donna che noi tutte vorremmo un giorno diventare. FANTASTICA!!!

Voto 8 solo perché i testi erano in italiano.


Lascia un commento