Log in

#The love musical

LOVE STORY - IL MUSICAL

tratto dal film Love Story di Arthur Hillere
 
musiche: Howard Goodall
regia: Andrea Cecchi
testi: Stephen Clark
adattamento liriche: Alessio Fusi 
scene: Gabriele Moreschi
costumi: Lucia Pini, Marta Regolini
con Maria Giulia Olmi (Jennifer Cavalleri), Davide Sammartano (Oliver Barret IV), Fabrizio Corucci (Phil Cavalleri), Lapo Braschi (Oliver Barret III), Chiara Materassi (Madre di Jennifer), Claudia Naldoni (Alison)
ensemble: Elisa Bisceglia, Benedetta Bottai, Antonio Lanza, Gianni Mini, Riccardo Stopponi
musicisti Marco Baldini, Tommaso Faglia, Julio Rafael Fernadez Guerrero, Dario Hansson, Katia Moling, Kevin Mucaj, Andrea Mucciarelli

movimenti coreografici Stefania Pacifico
direzione musicale Gianni Mini
disegno luci Andrea Coppini
datore luci Mimmo L’abbate
fonico di sala Thomas Chinnery
fonico di palco Claudio Notarstefano
realizzazione scene e costumi Compagnia delle Formiche
assistente alla regia Alessio Fusi
produzione Compagnia delle Formiche
in collaborazione con Project Leader e Accademia di musica di Firenze

Giudizio complessivo:
Impegno: 

Dal 21 al 25 settembre 2016 al Teatro Carcano di Milano va in scena il musical LOVE STORY.

Nel 2010 fu presentato al Festival di Chichester, a Londra.

Dopo il grande ed entusiasmante successo di Londra è sbarcato negli Stati Uniti ed infine in Olanda con un tour di oltre 150 repliche (per la produzione di Stage Entertainment).

Il musical è tratto dal film cult degli anni ’70 (diretto da Arthur Hillere e prodotto dalla Paramount Pictures). Il film fu tratto dall’omonimo romanzo di Erich Segal edito in Italia da Garzanti

Per un pubblico romantico e voglioso di sognare e che non si vergogna di piangere in mezzo a degli sconosciuti, a Milano c’è il musical ideale.

Lo spettacolo, che va in scena al Teatro Carcano di Milano, in un unico atto della durata di un’ora e mezzo, è accompagnato dal vivo da un’orchestra da camera di sette elementi (quintetto d’archi, piano e chitarra acustica). Ed è proprio l’orchestra dal vivo che ne fa uno spettacolo vincente. I musicisti, vestiti di bianco, celati dietro una tenda di tulle bianco creano quell’atmosfera triste romantica e malinconica che caratterizzano la storia.

Complimenti brillanti alla scenografia.

Un mio personale complimento va a Fabrizio Corucci nei panni di Phil Cavalleri, il padre di Jennifer.

Un bravi ragazzi a tutti gli attori, registi, costumisti e a tutti coloro che hanno lavorato davanti e dietro le quinte.

SOSTIENI IL NOSTRO SITO E ACQUISTA SUBITO IL BIGLIETTO

Avete visto lo spettacolo? Lo andrete a vedere? Siete d'accordo con Tiziana? Lasciate un commento sotto!

Seguite la pagina Facebook di No#News per rimanere aggiornati su altri articoli e non dimenticate di condividere l'articolo!

Lascia un commento